martedì 20 agosto 2013

Gummo (1997)

Tempo fa parlavo con un conoscente di Kubrick e questi mi disse che al tempo era andato a vedere Arancia
Meccanica e dovette uscire dal cinema non riuscendo a sopportare la crudezza delle immagini presenti.
Risposi con un'alzata di sopracciglio.

Eppure l'altra sera stava per succedermi una cosa simile con Gummo.
Nella parte iniziale di questo film si indugia insopportabilmente ( per me) in scene di violenza su dei poveri gatti.
Ammazzate pure qualche migliaio di cristiani ma lasciate stare i gatti per cortesia.

Stavo per spegnere però sarebbe stato come arrendersi alla provocazione di quel malato di mente di Harmony Korine così ho proseguito con la visione e non me ne sono pentito.

Solomon e Tummler sono due giovani rifiuti umani. Vagano per Xenia in Ohia , paesino precedentemente distrutto da un tornato e quindi già preventivamente punito dagli dei, guadagnandosi qualche spicciolo vendendo gatti morti ad un ristorante per poi godere delle grazie di una giovane prostituta ritardata.

Un quadro umano svilente, nel degrado morale e fisico, personaggi brutti e cattivi senza il sollievo di un affetto e  nemmeno la speranza di una redenzione.

Ok Korine hai vinto tu, adesso vomito

Korine che filmerà i bikini al neon di Spring Breakers ci mette davanti le luci crepuscolari di questo inferno sulla terra sfidandoci a tenere gli occhi aperti. Tranne qualche momento stucchevole ( la scena rivoltante del ragazzino che mangia mentre fa il bagno è troppo facile) è un film che colpisce.

10 commenti:

  1. Per me un film duro ma così ben fatto che spegnere prima dei titoli di coda sarebbe un crimine. Poi può pure non piacere ma di certo non lascia indifferenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente non lascia indifferenti e in ogni caso così come per i libri abbandonare a metà non mi è mai piaciuto

      Elimina
  2. Un film molto discusso che non ho mai avuto occasione di vedere.
    Recuperero'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un film rognoso come i gatti che tortura ;)

      Elimina
  3. Non posso guardarlo, appena vedo della violenza sugli animali di solito mi sento male (fisicamentee anche psicologicamente mi parte qualche rotella), finché si uccidono dei cristiani va bene (come dici anche tu) però dopo per me diventa auto lesionismo, non sono una sadica, ci sono cose che non posso nè voglio guardare tutta lì la storia, indifferentemente dalla bellezza del film. Korine comunque a me è piaciuto anche in Spring Breakers.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda avevo i miei gatti che mi giravano tra i piedi e con davanti il film ad un certo punto stavo proprio male!

      Elimina
    2. Ma infatti io evito proprio.

      Elimina
  4. Korine ha intelligenza, lo ammetto, ma mi sembra che (come per Spring Breaker) si lasci andare alla provocazione facile, e questo film non fa eccezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi l'ho recensito, spinto proprio della tua rec, anche dalle mie parti. Passa a dare un'occhiata ;)

      Elimina