lunedì 20 maggio 2013

Il grande Gatsby - The Great Gatsby (2013)


Nel pieno splendore degli Anni Ruggenti Nick Carraway (Tobey Maguire) osserva e aiuta il misterioso miliardario Gatsby ( Leonardo Di Caprio) nella sua opera di riconquista dell'amore della propria vita ( Carey Mulligan). Arriverà al '29 in riabilitazione ma con un storia da raccontare.

Per il capolavoro di Fitzgerald questo è il quarto adattamento cinematografico, sicuramente non sarà l'ultimo.

Finora dall'anno della sua pubblicazione (1925) ogni generazione se ne è uscita con un proprio rifacimento che non è mai quello definitivo forse perché già definitivo, completo, perfetto è il Classico che si propone di rappresentare.

Baz Luhrmann sembra comprendere questo meccanismo e di fronte ad una frustrante irriducibilità sceglie di   mettere in scena il "proprio" Grande Gasby.

Il risultato è esteticamente fantastico. Un'opera pop che ricorda ( in meglio) quanto visto recentemente con Anna Karenina. La festa all'inizio, la corsa in macchina a New York, il passaggio dantesco tra Long Island e la discarica di carbone sono momenti grandiosi di Cinema.

Dove il film invece mi è parso meno riuscito è il lato drammatico. Faccio un esempio: la scena dell'albergo, in cui i protagonisti scoprono le proprie carte e prendono la rincorsa per lo showdown finale, mi è parsa priva della forza necessaria.

"Old sport"

Soprattutto da Carey Mulligan mi sarei aspettato qualcosa in più: nella sua bellezza luminosa e accessibile ci ripropone la sua solita faccetta da cerbiatto malinconico col sopracciglio sollevato e le labbra socchiuse, espressione che comincia a stufare.

Tobey Maguire ripescato per una produzione di serie A non è notoriamente un fenomeno ma a fare il giovinastro ingenuo in una situazione più grande di lui è molto nel personaggio.

Di Caprio semplicemente si è sostituito alla faccia di Gatsby che mi ero fatto leggendo il libro. La sua entrata in scena è memorabile, forse un po' esagera ma è l'ultimo vero Divo.

Infine le musiche una componente essenziale delle opere di Luhrmann. Canzoni moderne ( Lana del Rey, Jay Z, Jack White,...) inserite in un altro contesto storico sono qualcosa che ormai si è già visto e sentito e hanno perso quell'effetto straniante che si era avuto in passato. Vanno però viste nell'ottica di appropriazione e personalizzazione dell'opera da parte del regista e fanno il loro porco lavoro.

A rileggere quello che ho scritto sembra quasi non mi sia piaciuto. E' che non mi so esprimere.
E' un film bellissimo.

21 commenti:

  1. Rispetto al meraviglioso Anna Karenina, come messa in scena purtroppo questo Gatsby perde. O meglio, è puro delirio Luhrmaniano fino a metà, poi si compone di scene ch vanno benissimo nel libro ma cinematograficamente parlando risultano ridicole. Quasi come la recitazione di Maguire. Comunque non posso dire che il film non mi sia piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che non mi ha fatto neanche così schifo il povero Tobey, porta in giro la sua faccia da pirla con gran dignità.

      E' un film destinato a dividere anche nel senso che uno si sente un po' diviso nel giudicarlo.

      Elimina
  2. Concordo in pieno, Maste.
    E' stato come vedere Anna Karenina in meglio, con un bagaglio di emozioni gigantesco.
    Film bellissimo. Sottoscrivo in pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran film! Se non fossi taccagno e se non mi facesse venire il mal di testa potevo far scattare il 3D magari, certe scene panoramiche di sicuro rendevano.

      Elimina
  3. Film con delle inquadrature veramente bellissime! Non l'ho visto in 3D e ripensandoci il 3D in questo film gli dà sicuramente qualcosa in più! Comunque bel film e soprattutto ottima recitazione di Leonardo Di Caprio!
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho visti giusto un paio in 3D ed ogni volta erano 25 gocce di novalgina ;-)

      DiCaprio sempre al top

      Elimina
  4. il film mi è stra piaciuto, ha incarnato bene un'opera immortale, più famosa per le atmosfere che non per la trama, che in sè non è tanta roba.
    personalmente bocciato senza pietà maguire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tobey è rimasto traumatizzato da quella brutta storiaccia con gli Avengers ;-)

      Elimina
  5. sì, però, visto il nome del tuo blog: era meglio il libro o no? ;)

    RispondiElimina
  6. Come hai già avuto modo di leggere da me... una palla micidiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai che in fondo in fondo un po' ti è piaciuto :)

      Elimina
    2. la golfista mi è piaciuta molto <3 il resto... tutto sommato salvabile, dai

      Elimina
    3. beh pregio la golfista, era zooey deschanel stretchata!

      Elimina
    4. ora che mi ci fai pensare è vero, ecco perché mi è piaciuta in quella maniera!

      Elimina
  7. maguire preso perché amico di di caprio

    RispondiElimina
  8. non ho visto ancora Anna Karenina ma questo Gatsby mi è garbato parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera Anna K così fai un confronto, hanno molte analogie (stilistiche)

      Elimina
  9. A me è piaciuto moltissimo, credo fin troppo! Era meglio il libro probabilmente sì ma il libro è inarrivabile. Mi è piaciuto infinitamente il coraggio di Baz di osare, di trasformare il tutto in una pellicola di pura magnificenza. Insomma non mi ripeto, ho già scritto abbastanza a riguardo sul mio blog ma concordo con il tuo parere di "è un film bellissimo" *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pura magnificenza, brava bella definizione!

      Elimina