martedì 23 aprile 2013

Cena tra amici - Le prénoms (2012)

In un salotto parigino si consumano gli scazzi tra cinque amici molto ben assortiti: l'intellettuale di sinistra,
l'arricchito di destra, la moglie frustrata, la donna incazzosa, l'artista presunto gay.
Uno scherzo del gollista sul fatto di chiamare il figlio nascituro Adolph è la scintilla che farà detonare le tensioni accumulate tra gli amici  in tanti anni di ipocrita convivenza borghese.

Detto così potrebbe sembrare di una noia mortale però la bravura di attori e soprattutto sceneggiatori lo rendono brillante e piacevole.
Il parallelo perfetto con la società italiana inoltre gli dà un potere di immedesimazione impossibile con una produzione statunitense.
Il pensiero evidentemente va a  Carnage che risultava però più nervoso e disperato.

Campione di incassi in patria merita una visione soprattutto se avete passato i trent'anni o avete almeno qualche capello grigio.

6 commenti:

  1. L'avevo apprezzato parecchio. Meno sofisticato di Carnage, ma cattivo il giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì meno sofisticato ma molto divertente e pensare che un film così è stato campione di incassi la dice lunga anche sul pubblico francese

      Elimina
  2. Lo avevo evidentemente sottovalutato...dovrò ricredermi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh è una banda di babbioni che se la conta su... hai tutto il diritto di detestarlo ;)

      Elimina
  3. a me ha divertito da matti, cosa che non ha fatto Carnage...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carnage era bello ma mi aveva un po' depresso :)

      Elimina