martedì 31 dicembre 2013

Don Jon (2013)


Jon Martello
( che nome fantastico) a forza di consumare porno ha sviluppato delle aspettative nei confronti del sesso che lo mettono in difficoltà a livello sentimentale. Specularmente a lui Barbara rovinata dalle commedie sentimentali si è trasformata da potenziale sogno ad incubo di ogni uomo.

L'esordio alla regia di Joseph Gordon Levitt è un film sorprendente nella sua freschezza, non molto nella sua originalità. Ha un'idea di fondo che sviluppa forse troppo esplicitamente ma con ferma lucidità attacca la società dell'immagine ( la stessa che ha reso milionari tutti i protagonisti del film)

Divertente grazie a personaggi molto caratterizzati e situazioni inevitabilmente spassose: le seghe fanno ridere e anche i tipi che passano molto tempo a pulire il tappeto. 

Un ottimo inizio per l'ex ragazzino prodigio figo-sfigato, quando imparerà ad essere meno diretto e meno intelligente potrà fare davvero centro.

Ah c'è molta Scarlett in abiti aderenti.

Buon Anno a tutti.

6 commenti:

  1. Un pò acerbo, ma un ottimo inizio per il buon Joseph.
    Speriamo continui così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un film molto godibile e il ragazzo ha del talento!

      Elimina
  2. a me è piaciuto ...anche il nome ...pensa se si fosse chiamato Jon Randello...ah ah ah sarebbe crollato il cinema..Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh Randello sarebbe stato un po' troppo. Buon anno anche a te!!

      Elimina
  3. Uno dei miei film preferiti quest'anno, un esordio davvero particolare e simpatico.
    Buon anno in ritardo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è piaciuto molto anche a me! Buon Anno!

      Elimina