sabato 5 ottobre 2013

Gravity (2013)

In orbita intorno alla terra un'astronauta ( nel senso di una astronautessa) lotta per sopravvivere ai
postumi di un incidente.

Sono andato a vedere Gravity dopo aver sentito pareri di critici, blogger grandi e piccoli, inviati gay di studio aperto e pure Vincenzo Mollica tutti entusiasti, gasati, capolavoro! OMG!!
Mi aspettavo quindi qualcosa di epico, uno di quei lavori inappuntabili e gloriosi, nati classici tipo Space Truckers...

Purtroppo al termine della  visione posso solo dire che Gravity è un gran bel film, nulla di più.
Un film perfetto esteticamente con un feeling documentaristico ed un uso sobrio e sensato del 3D ( vi consiglio di guardarlo in 3D io che dopo un film in 3D devo prendermi 25 gocce di Novalgina) però manca qualcosa. Uno non in grado di esprimersi bene direbbe che è un film freddo e a volte ingenuo. Un po' artsy nell'espressione del sempre lucido urban dictionary ( in una scena che puzzava di Kubrik Lei fluttua in posizione fetale e mi son sentito preso per un cretino).
La Bullock sta invecchiando benissimo ed è sorprende in un ruolo da novella Sigourney Weaver. Potrebbe essersi aperto per lei un filone alternativo alle commedie vaginali.
George invece gigioneggia come fosse una pubblicità del Nespresso.

Un ultima critica: sarà una mia deformazione professionale da nerd ma un film che si mette il nome Gravity e viola così sfrontatamente e ripetutamente le leggi più fondamentali della fisica ha una mancanza di rigorosità paragonabile ad un film storico che sbaglia le date per far tornare i conti nella sceneggiatura.

Ho parlato solo delle cose negative per quelle positive ( che sono tantissime) potrete leggervi il 99% di tutte le altre recensioni che troverete su internet.
...sulla vite svitata in senso orario stavo per uscire dalla sala.

19 commenti:

  1. Non l'ho ancora visto, e continuo ad essere perplessa in merito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualche perplessità ma merita di essere visto al cinema

      Elimina
  2. Io faccio parte del 99% degli altri recensori.
    Che devo dì, sarà che partivo con parecchi pregiudizi visto il cast, l'ambientazione e l'odiato 3D ma mi ha lasciato in continuazione senza fiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si il 3d è davvero uno spettacolo qui!

      Elimina
  3. Un film da guardare assolutamente in 3D per godersi un bel viaggio spaziale; in 2D credo che verrebbero fuori ancor più i difetti, come ad esempio la sceneggiatura "piatta" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah 3d/piatta l'ho capita adesso! ;-)

      Elimina
    2. L'ho visto ieri, appesantito forse da molte aspettative... mi è piaciuto ma non è certo da considerarsi un capolavoro, come invece molte critiche degli "addetti al lavoro" hanno asserito così entusiasticamente. Consiglio il primo film del regista, i figli degli uomini, notevole... il 3d è affascinante, pulito, patinato, come non sono molti film riconvertiti e la Bullock è straordinaria nell'affrontare in solitudine, circondata da effetti digitali, l'avventura dell'assenza e presenza di gravità e angoscia. Forse hai ragione, un nuovo filone si apre per lei... mi è piaciuta molto la scena in cui le gocce di lacrime abbandonano quello che è un percorso consolidato sul nostro pianeta galleggiando come spore portate da un vento sconosciuto nello spazio.

      Elimina
    3. Perfettamente d'accordo con te!

      Elimina
  4. Ma che avete mai visto in 3D per considerare questo di ottimo livello?!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne ho visti pochissimi perché mi ero trovato male già con Avatar, in ogni caso questo fa un uso del 3D funzionale alla narrazione ed è ciò che conta.

      Elimina
  5. Gravity è il film giusto per affrontare la questione 3D: a che serve? e serve davvero? A mio avviso il 3D non migliora nulla rispetto al 2D. Una buona ripresa (intendo ben congegnata e realizzata) trasmette correttamente la profondità e lo spazio senza bisogno di farmi venire mal di testa. Dice funzionale alla narrazione: il cambion fuoco sulla lacrima senza 3D non veniva bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono io qui sopra, google non mi aveva riconosciuto!

      Elimina
    2. Il 3D non era indispensabile ma mi ha aiutato ad immergermi nell'atmosfera del film. Credo che la cosa migliore di Gravity sia la propria ambizione a farsi "esperienza" anche trascurando l'aspetto narrativo. In ogni caso la mia sensazione nel trovarmi al cinema con gli occhialini rimane quella di essere a Gardaland nel 1986.
      Sono convinto che questa tecnologia per il 3D sia ancora un piccolossimo passo avanti rispetto agli occhialini rossi e blu. Quando arriveremo a dei risultati simili a quelli visti in Strange Days allora veramente se ne riparlerà.

      Elimina
  6. Io ho iniziato a vederlo ieri in streaming. Si, picchiatemi, tiratemi i pomodori!
    Ma non ho il tempo di andare al cinema! Sicchè mi accontento!
    Beh, ho guardato solo i primi 10 minuti perchè poi sono caduta fra le braccia di Morfeo! Però se stasera mi ci incastra finisco di vederlo.
    Ansia a palate già nei primi minuti!
    Mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm ho smesso di leggere arrivato a "streaming";-)
      dai sforzati di più, almeno il torrent di un cam

      Elimina
  7. lo sono andato a vederlo ieri e devo dire che questo film mi è molto piaciuto, pieno di colpi di scena, ansia. Non so voi ma a me è molto piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi ha esaltato ma può piacere sicuramente

      Elimina
  8. Molto bello. Ma forse il suo eccessivo manierismo lo rende un film da 'addetti ai lavori'.

    RispondiElimina